Galleria di base del Ceneri – ultimo chilometro di scavo verso sud

I lavori di scavo alla Galleria di base del Ceneri (GbC) proseguono a pieno regime su quattro fronti in contemporanea, canna est e canna ovest in direzione sud rispettivamente nord. In questi giorni, con alcuni mesi di anticipo rispetto a quanto previsto dal programma lavori contrattuale, è stato raggiunto l’ultimo chilometro di scavo della GbC in direzione sud. Questo traguardo parziale permette di ipotizzare, fatto salvo il manifestarsi di imprevisti, la fine dei lavori di scavo in direzione sud entro un anno.

Proseguono a pieno regime i lavori di realizzazione della Galleria di base del Ceneri e proprio in questi giorni, con alcuni mesi di anticipo rispetto a quanto preventivato, si è iniziato a scavare l’ultimo chilometro di roccia in direzione sud. Entrambi i fronti di scavo, canna est e canna ovest, si trovano in corrispondenza dell’abitato del comune di Cureglia ad una profondità dalla superficie dell’ordine di 125 m.

Sulla base della situazione attuale e fatte le debite valutazioni, si ipotizza di raggiungere la tratta di galleria scavata dal portale di Vezia nel corso della primavera del prossimo anno. Per quella data si prevede di concludere le attività di scavo e messa in sicurezza e dunque all’interno della tratta di galleria a sud di Sigirino (in totale ca. 6 km per ciascuna canna) l’attenzione si concentrerà sulle attività di getto dei rivestimenti interni.

Per quanto riguarda le attività di scavo e messa in sicurezza in direzione nord, confrontate con una situazione geologica impegnativa, rimangono da scavare per raggiungere la tratta di galleria realizzata dal portale nord di Camorino circa 3 km. Attualmente entrambi gli avanzamenti si trovano in corrispondenza del territorio del comune di Isone ad una profondità dalla superficie dell’ordine di 500 m. Sulla base delle previsioni questo significa proseguire con le attività di scavo fino alla fine del 2015.

La situazione sopra descritta è in linea con il programma generale dei lavori che prevede la messa in esercizio della GbC per dicembre 2019. Le attuali pendenze a livello procedurale potrebbero avere delle ripercussioni su tale termine.

Le attività di costruzione grezza, compreso il rivestimento interno e le banchine, dovrebbero dunque venire completate nel corso della seconda metà del 2016 in modo da poter disporre di una galleria pronta per la fase di messa in opera delle attrezzature della tecnica ferroviaria.

Per quanto riguarda la Galleria di base del San Gottardo si conferma che a fine aprile 2014 circa tre quarti della tecnica ferroviaria è stata installata, e sono in corso secondo il programma prestabilito le attività di verifica delle componenti e di test di percorrenza volte a permettere la messa in esercizio della galleria ferroviaria più lunga del mondo per il mese di dicembre 2016.