Posata la prima pietra del «Periscopio»

È stata posata questa mattina a Pollegio la prima pietra del «Periscopio», la futura Centrale d’esercizio che gestirà il traffico ferroviario delle gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri. Alla cerimonia hanno partecipato, oltre ai vertici di FFS Infrastruttura e Alptransit, le autorità cantonali e comunali.

Oggi, nelle immediate vicinanze dell’Infocentro AlpTransit di Pollegio, si è svolta la cerimonia di posa della prima pietra della futura Centrale d’esercizio ferroviario CEP, definito «Periscopio» per la sua futuristica forma architettonica. Presenti alla cerimonia Philippe Gauderon, responsabile di FFS Infrastruttura, Renzo Simoni, presidente della direzione di Alptransit San Gottardo, Marco Borradori, direttore del Dipartimento del territorio e Romano Rossi, sindaco di Pollegio.

CEP una delle quattro centrali dell’esercizio delle FFS in Svizzera.
La futura «Centrale d’esercizio di Pollegio» (CEP) sorgerà nelle immediate vicinanze dell’attuale Infocentro sud di AlpTransit San Gottardo. Il Centro gestirà il traffico ferroviario sulla linea del San Gottardo tra Chiasso e Arth-Goldau, nelle due future gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri, oltre che le linee Bellinzona–Luino e Bellinzona–Locarno. «Oggi le FFS dispongono ancora di oltre 100 punti di gestione del traffico. Nel 2015 ne resteranno quattro: Losanna, Olten, Zurigo e per l’appunto Pollegio – ha spiegato Philippe Gauderon – In questo modo sarà possibile raggiungere la qualità e la produttività necessarie per far fronte alla futura crescita del traffico ferroviario».

Il direttore di FFS Infrastruttura ha inoltre ricordato che Pollegio, grazie al CEP, sarà uno dei centri di competenza ferroviaria delle FFS in Svizzera e che nel «Periscopio» lavoreranno circa 150 persone. Cento posti saranno trasferiti dall’attuale Centro dell’esercizio di Bellinzona, mentre 50 verranno creati appositamente per la nuova Centrale.